Violata la Libertà di Pensiero?

In questi giorni, a seguito della decisione del Colle di non accettare la Candidatura del Professor Savona Paolo a Ministro dell’Economia, abbiamo assistito a prese di posizione di ogni tipo.

Ad una lettura superficiale dell’accaduto può sembrare che la più alta carica dello Stato abbia semplicemente svolto un compito di vigilanza e tutela, salvaguardando così gli interessi dello Stato e del Popolo Italiano.

Secondo il nostro diritto, il Presidente della Repubblica, deve verificare  l’esistenza di eventuali requisiti ostativi, quali ad esempio incompatibilità o incandidabilità, divieto di ricoprire cariche elettive e di Governo dei Ministri proposti.

Quello che però, a mio parere, è emerso è il venir meno di un diritto imprescindibile che è “la libertà di pensiero” come sancito dall’art.21 c.1 della nostra Costituzione.

Il professor Savona Paolo, infatti, ha semplicemente dichiarato ed enunciato alcune criticità in merito alle attuali politiche europee, sottolineando la necessità sociale di contestualizzarle e conformarle alle esigenze del nostro Paese al fine di ottenere anche per l’Italia una crescita economica, culturale e di espansione all’interno del Mercato Unico Europeo.

Non sembra, a mio avviso, che il Professore abbia dichiarato di auspicare l’uscita dall’Euro, ma nella sua analisi ha considerato gli effetti di una uscita dalla moneta unica nel caso in cui l’Europa non fosse in grado di riformarsi anche a livello politico.

Questa, per Me, non è una motivazione sufficiente per rifiutare la candidatura del Professor Savona a Ministro dell’Economia ma è una violazione del Diritto alla Libertà di Pensiero.

Detto questo vi allego alcuni link che reputo interessanti per approfondire quanto ho espresso.

Cosa ne pensate?

Dichiarazioni del Prof. Paolo Savona sull’Europa

Dichiarazione del Presidente Mattarella – No al Governo del Cambiamento

Dichiarazione del Presidente Mattarella – Al Termine delle Consultazioni

La figura del Ministro come organo del Governo nell’ordinamento costituzionale italiano.

Vai agli altri articoli

Lascia un Commento